I NUOVI ADOLESCENTI

Alessandro Volta

cellulari

La Società Italiana di Pediatria ha reso noto i dati dell’indagine su “Abitudini e stili di vita degli adolescenti” giunta alla 16° edizione. E’ stato valutato un campione rappresentativo di 2100 ragazzi e ragazze frequentanti la terza media. Lo studio completo, con il relativo commento dei dati, è scaricabile al seguente link: http://sip.it/wp-content/uploads/2010/05/Generazione-I-like-Commento-Indagine-2013-2014.pdf.

View original post 641 altre parole

L’Italia svenduta

Il governo del Qatar a Milano si è comprato il nuovo quartiere dei grattacieli dove c’è la sede Unicredit e il rivoluzionario condominio chiamato “Bosco verticale”, le due torri residenziali alte più di 111 metri create da Stefano Boeri.

Questo fatto crea la realtà paradossale che saranno proprio i soldi di tanti italiani a finanziare lo stato islamico del Califfo al-Baghdadi.

La cosa che mi lascia ancora molto più perplesso è che nessuno sembra preoccuparsene e che in Italia in tanti pensano che sia la costruzione di una moschea a creare problemi.

Ma la cosa ancor più preoccupante è che il nostro Governo non abbia niente da dire.

Foibe

Si potrebbe anche distinguere tra le foibe e l’esodo subito con dolore e magari capire che gli infoibati furono anche frutto di regolamenti di conti e non di un piano di pulizia etnica.

Perchè sul numero degli infoibati la storiografia è divisa: “si parla dai 500 ai 50.000 morti”?

Il Cuore Nel Pozzo CASO DI REVISIONISMO MEDIATICO:

http://youtu.be/uArbIvpgu4c via @YouTube

E perché si parla di foibe e non si parla delle rappresaglie naziste in Istria che produsse un numero di morti cinque volte superiore?

http://www.wumingfoundation.com/giap/?p=20327

Dove sta la verità?


Originally posted on direfarebaciare:

“Foibe” italiane

Foibe, lo ricorderò, significa anche pulizia etnica e politica, l’uccisione di persone (e molti erano italiani, in buona parte civili): a centinaia nel 1943 e a migliaia nei mesi di maggio e giugno 1945 in Venezia Giulia, Istria e Dalmazia per mano dell’esercito titino. Le Foibe, insieme all’esodo dalmata, rappresentano una tragedia sovranazionale a lungo rimossa in Italia, con ampie responsabilità della sinistra, quella comunista in particolare. E bene ha fatto il Governo italiano a decretare il 10 febbraio “Giornata del Ricordo” (Gazzetta Ufficiale n. 86 del 13 aprile 2004), per «ricordare l’orrore delle Foibe, per ricordare queste voragini rocciose utilizzate in seguito alla seconda guerra mondiale per “infoibare” molti italiani, sia fascisti che antifascisti», dunque persone con storie diverse.
Poiché nulla va dimenticato, nemmeno il martirio egualmente agghiacciante delle popolazioni civili nei territori occupati dalle truppe italiane (una fascistissima pagina, vergognosa e criminale, della storia italiana, una vergogna che lambisce e macchia le stesse recenti missioni “di pace”), a quando una giornata anche in ricordo o effimera riparazione dei crimini italiani in Cirenaica, nel Corno d’Africa, in Grecia e nel resto dei Balcani?

Leonardo disegna Pavia

direfarebaciare

di Giovanni Giovannetti

Quale cavallo di battaglia per indurre lo sciame di Expo a visitare anche Pavia oltre alla Certosa, ora si ipotizzano le necrofile ceneri di Colombo (Cristoforo). E i cavalli di Leonardo da Vinci? Sanno i pavesi che parte del vinciano Manoscritto B fu vergato a Pavia? Sanno i nostri pubblici amministratori e in Università che a Milano, Parigi e Londra si conservano leonardeschi disegni su Regisole, chiese, castello e altro dal territorio pavese? Pare di no. E dire che di tutto questo si dà notizia in numerosi studi vinciani, e a Pavia già ne scrisse nel 1911 Edmondo Solmi cui fra gli altri ha fatto eco, nel 1995, Gianni Carlo Sciolla.

Nel 1490 Leonardo da Vinci soggiornò alcuni giorni a Pavia, per poi tornarvi ripetutamente, l’ultima volta nel 1513. Accompagnato dall’architetto senese Francesco di Giorgio Martini, l’8 giugno 1490 Leonardo era in visita ai lavori del nuovo…

View original post 841 altre parole

Le polemiche artificiose sulla Carta del Coraggio. L’educazione è un’altra cosa.

A chi giovano tutte queste polemiche?
Condivido queste riflessioni.

Per chi volesse leggere il testo integrale ho una scansione del documento originale, e leggerla e vedere tutte le firme delle Scolte e dei Rover che l’hanno votata e sottoscritta. Mi fa capire quanto questo sia un documento molto importante e di alto valore testimoniale.

(Maurizio Marzano)

La Carta del Coraggio della Route Nazionale 2014 OneWay

Patrioti gli stranieri

direfarebaciare

L’Italia salvata dagli immigrati

Gli immigrati vantano un tasso di attività del 73 per cento (12 punti superiore a quello degli altri italiani) e con il loro lavoro contribuiscono in misura del 9 per cento alla ricchezza nazionale: oltre 4 miliardi di euro di gettito fiscale, a fronte di una spesa sostenuta «per loro» di 1 miliardo, in larga parte sprecata per contrastarne l’immigrazione. Una visione miope, violenta e poco patriottica: fra l’altro, sulle spalle dei giovani nuovi arrivati grava anche la salute malferma dell’Inps, che senza di loro non saprebbe come pagare la pensione ai nostri anziani, affidati a oltre un milione di badanti (il doppio dei dipendenti del sistema sanitario nazionale) delle quali l’80 per cento lavora in nero.
Nel 2008 i lavoratori stranieri assicurati (nell’insieme sono 2.727.254, il 12,9 per cento, un ottavo dei 21.108.368 lavoratori iscritti all’Inps) hanno versato nelle casse dell’ente previdenziale 7,5 miliardi di…

View original post 881 altre parole

Agenda Monti: molte promesse ma nessun come

D I S . A M B . I G U A N D O

L’abbiamo attesa tutto il giorno e finalmente ieri, a tarda sera, l’Agenda Monti è arrivata: un pdf di 25 pagine, che sembra seguire tutte le regole (quasi) di sburocratizzazione della scrittura che si insegnano nei corsi di business writing: frasi brevi, parole semplici, organizzazione del testo per punti, e via dicendo. Un po’ come il programma «Un’altra Italia è già qui: basta farla entrare» di Matteo Renzi (26 pagine), anche se questo era più curato graficamente. Ma il problema non è né la scrittura né la grafica. Il problema sono icontenuti.

Agenda Monti

Dal testo di un docente universitario – un collega – mi aspettavo emergesse una differenza netta e ampia rispetto al testo prodotto da un uomo di partito. Monti è un professore, uno-che-sa, un tecnico che si è sempre presentato come diverso dai politici per questa ragione fondamentale: dove gli altri parlano, lui dovrebbe fare…

View original post 816 altre parole